Articolo scritto il 18/1 per Reporter


A New York è il periodo delle trimestrali.
La prima multinazionale che rende pubblici i suoi conti è sempre Alcoa; il mercato ha salutato il suo bilancio con un bel -10%!
Intel ha battuto le attese ed ha trainato per qualche ora i suoi concorrenti europei (Stm ed Infineon):
la festa, però, è durata proprio poco!
JP Morgan ha contabilizzato profitti record ma il suo exploit è stato accolto molto timidamente.
Morale: molto probabilmente il rialzo degli ultimi mesi ha già anticipato quanto di meglio ci si poteva aspettare dalle società.
Le aziende dovrebbero aver fatto veramente i miracoli perché il mercato azionario le possa festeggiare con forti rialzi.
Per l’SP500 è molto importante la tenuta di 1.130; in caso contrario i corsi inizieranno una fase correttiva di breve.
Il trend di medio, infatti, rimane decisamente bullish e non cambierà finchè le quotazioni rimarranno sopra 1.080.
Il nostro Ftse/Mib40 trova una forte resistenza attorno a 23.800/24.000: l’eventuale discesa sotto 23.450 (livello sfiorato il 15/1) dovrebbe dare il via ad una nuova fase bearish.
I timori della scorsa settimana sul Petrolio non erano poi così infondati: prima ha fatto un falso segnale rompendo sotto 75$; poi ha rotto al rialzo fino a 83$ prima di ingranare subito la retromarcia.
Direi che per il momento i corsi rimangono ingabbiati nel solito rettangolo tra 75/80$.
Per chi è al rialzo sull’Oro alzerei lo Stop Loss a quota 1.120$: se i corsi dovessero scendere sotto questo livello lo scenario bullish inizia a scricchiolare ed è meglio assistere da fuori.
Sopra 1.145$, invece, l’up trend riprenderà senza problemi.
Dopo diverse settimane devo sottolineare un segnale d’acquisto sul T-Bond americano: il supporto
=115 ha retto e il break-out sopra 116 ha fatto scattare il buy.
Sulle valute il cross migliore su cui puntare è Eur/Yen: il segnale ribassista è scattato il 15/1 (sotto 132). Bisogna ricordarsi che, l’eventuale discesa sotto
129, dovrebbe consentire una netta accelerazione dei corsi verso il basso dopo la fase distributiva
 in atto (sotto 138).
Andrei al rialzo su Eur/Gbp (ribasso sulla Sterlina) sopra 0,9 ma, per il momento, la valuta britannica regge. Probabilmente l’input ribassista sarà da posticipare in avanti.
Non ci sono grosse novità sulle azioni.
L’aumento di capitale Unicredit è partito senza problemi: tutto come da manuale.
In netto ribasso Parmalat che tocca 1,806€; siamo in area di supporto ed è probabile che da quì possa rimbalzare un po’.
Il recupero di Italcementi si è fermato a ridosso di 10,2€; mi sa che la potremo ricomprare molto meglio nei prossimi giorni.
Potremo fare lo stesso discorso sulla concorrente Buzzi se scenderà sotto 11,7€.
La resistenza=3,2€ di Intesa S.Paolo fà il suo lavoro ed impedisce nuovi allunghi; mi sembra un’ottima opportunità per liquidare eventuali posizioni.
Il rimbalzo di Geox partito da 4,325€ è finito a ridosso di 5€.
Una nuova gamba ribassista sta prendendo il sopravvento.
Probabile top poco sopra 19€ per le Generali: il segnale ribassista vero e proprio, però, scatterà sotto 18,6€.
Continuo a sostenere che attorno a 18,5€ è meglio vendere Eni; dovremo avere un’ulteriore conferma se i corsi scenderanno sotto 18€.
Tra i bancari devo segnalare la fine del rimbalzo per il Banco Popolare: se le quotazioni tornano sotto 5,5€ riprende la fase discendente.
La B P Milano si è ripresa meglio del previsto ed è tornata fino a 5,715€; la seduta di venerdì, però,
ha rimesso in evidenza il risveglio dei venditori.
Questo ritracciamento può servire per vendere meglio.
Il Monte Paschi Siena, invece, ha già ripreso la strada verso sud: dovrebbe peggiorare nettamente sotto 1,2€.
Fondiaria Sai e la controllata Milano hanno beneficiato delle voci di un interessamento della francese Axa: temo si tratti dei soliti gossip da Novella 2000 senza neanche le foto di qualche donnina svestita!
E’ scattato un bel segnale d’acquisto su Seat (> 0,175€): purtroppo i corsi si sono impennati subito fin sopra 0,21€ e adesso diventa un po’ difficile salire sul treno in corsa.
Ci proverò nei prossimi giorni se l’azione avrà la bontà di correggere un po’ altrimenti ciccia!

we can both agree on
Isabel Marant Sneakers Brilliant Bikinis For Different Body Types

and a deluxe breakfast each morning
wandtattoo kinderzimmerMarc Jacobs Classy Creations Handbags
woolrich parka