Articolo scritto il 23/8 per Reporter


Nel mese di Agosto le borse sono scese nettamente. Purtroppo non sono ancora in grado di stabilire se questo ribasso è soltanto una correzione fisiologica all’interno del trend rialzista oppure se è l’inizio di un’inversione vera e propria. Rimango ancora piuttosto ottimista anche se questo ritracciamento inizia ad essere più lungo del previsto. La resistenza=21.300 del nostro Ftse/Mib 40 ha fatto il suo onesto lavoro ed ha impedito l’allungo dei corsi; le quotazioni sono tornate a ridosso di 19.500 dove transita la linea di supporto che unisce tutti i minimi relativi; dalla sua tenuta (o meno) avremo presto maggiori informazioni sulla direzione che intenderà prendere il nostro mercato. Lo stesso discorso possiamo farlo per l’SP500 che deve rimanere sopra 1.050: se dovesse mollare gli ormeggi, probabilmente, dovremo scrivere la parola fine sul lungo trend rialzista partito circa diciotto mesi fa. Il problema è che un’eventuale nuova fase ribassista potrebbe assomigliare a quella del 2008. Meglio non pensarci. Per rincuorare un po’ i rialzisti ad oltranza voglio ricordare che il 2010 è un “4Year Phenomenal”. Mi spiego meglio: Larry Williams descrive come, inspiegabilmente, ogni quattro anni si forma un forte ciclo bullish. Nella sua ultima mail ha illustrato che cosa è successo in passato e ha spiegato che si aspetta un importante punto di minimo nei primi giorni di Ottobre. Mi sono segnato tutto sul calendario e vediamo se anche stavolta avrà ragione. Il super rialzo di T-Bond e Bund ci dice che il rendimento delle obbligazioni è ormai ai minimi termini: anticipa un periodo di deflazione o si tratta di una piccola bolla speculativa? Un bel mistero anche perché tutti gli stati del mondo hanno un enorme bisogno di capitali per rifinanziare i titoli in scadenza e sarebbe stato logico pensare, aumentando la domanda, ad un rialzo dei tassi. Sulle valute devo segnalare la debolezza dell’euro contro quasi tutte le altre monete. Mi sono segnato i livelli: 1,305 contro Franco, 0,81 contro Sterlina, 1,27 contro Dollaro, 107,5 contro Yen. Se verranno rotti al ribasso inizierà una nuova carneficina. Tocco ferro perché le borse seguono la nostra valuta e se continuerà a scendere …. L’Oro è risalito prima del previsto ed è tornato sopra 1.200$ ad un soffio dai massimi storici. In questo momento non è né carne e né pesce e preferisco seguirlo da lontano. Idem per il Petrolio. Sulle singole azioni seguo l’Unipol che rimane a ridosso del doppio minimo attorno a 0,51€: deve risalire perché altrimenti possono diventare cavoli amarissimi. Terna non riesce a superare 3,2€; potrebbe essere un triplo massimo con implicazioni nettamente ribassiste. Tenaris è scivolata nettamente fino a 13,5€; dovesse rompere nuovamente questo minimo potrebbe peggiorare almeno fino a 12,5€. La “catapulta” che avevo segnalato su Telecom ha funzionato ed ha proiettato i corsi fino a 1,077€: l’aspetto un po’ più in basso per riprenderla e per cercare la prossima ondata che dovrebbe riportarla verso 1,15€. Mediolanum ha rotto al ribasso l’importante triplo minimo attorno a 3,13€: se non recupera subito la rivedremo più in basso visto che non ci sono supporti degni di nota che possono arrestare la discesa. Lottomatica è tornata sui minimi storici: se riuscirà a non romperli e poi tornerà sopra 11€ scatterà un forte segnale rialzista. Molto interessante anche il grafico di Italcementi: ormai è proprio alla frutta! La ripresa sopra 6€ dovrebbe consentire un nuovo e poderoso allungo. Da marcare a uomo anche Fondiaria: se scenderà sotto 7,25€ la lasceremo al suo destino ma se riuscirà a rimettere la testa sopra 8,25€ potrebbe mettere a segno un recupero degno di nota. Le ultime trimestrali sono tutte pesantemente in rosso ma il peggio potrebbe essere già scontato. Il Banco Popolare rimane un titolo carico come una molla: deve superare 5,1€! Se ci riuscirà dovremmo rivederlo molto più in alto. Attorno a 105 si possono comprare anche le sue convertibili ricordando che il loro obiettivo è nei pressi di 110. Saliranno molto meno rispetto all’azione ordinaria (ovviamente sono molto più protette in caso di patatrac della stessa!).

3Resist comparing your body to others
burberry schal La Quinta Inn Suites Fresno Riverpark

without losing sight of the concept in the process
valentino flatsLegend of a Fashion Icon
woolrich arctic parka