Articolo scritto il 7/9 per Reporter


Timido segnale ribassista sui principali indici azionari.
Ormai l’avrò scritto un migliaio di volte: a mio parere si tratta di un importante massimo di periodo
ma ci sarà da pazientare ancora prima di vedere la ripresa della fase ribassista.
Vi segnalo i principali supporti che devono essere spazzati via perché l’orso torni a regnare sulle
borse: Cac40 (3.400), Dax30 (5.150), Dow Jones (9.100), Nasdaq Comp (1.900), SP500 (980), Ftse100 (4.600), Ftse/Mib40 (20.700).
L’ipotesi rialzista che avevo illustrato nell’ultimo numero non è ancora da scartare ma mi sembra
con minori probabilità di successo di prima.
Grosse novità, invece, dall’Oro: le quotazioni hanno rotto nettamente il primo ostacolo di 970$ e si sono avvicinate alla resistenza psicologica di 1.000$ per oncia.
Potrebbe essere la volta buona per il botto?
Chi lo sa! Certamente, se il metallo giallo supererà nettamente il suo massimo storico=1.032$, i corsi entreranno in territorio vergine e non c’è uno scenario migliore su cui puntare.
E le azioni come reagiranno?
In altre situazioni simili hanno sempre svoltato al ribasso perché inizia a farsi strada il timore dell’inflazione (e del successivo aumento del costo del denaro).
Chi è già entrato può posizionare uno Stop Loss a 950$ per proteggersi da eventuali ritracciamenti.
La strategia sul cambio tra Eur/Usd non cambia (ribasso sotto 1,42) mentre è già scattato il segnale bearish su Eur/Yen: qui ci si può proteggere posizionando uno Stop Loss a 1,355.
Primo Obiettivo = 1,285.
Nessuna novità sui mercati obbligazionari: ritengo che sia il Bund che il T-Bond li vedremo un po’
più in basso rispetto ai livelli attuali.
Andando a spulciare all’interno del paniere del nostro Ftse/Mib40 noto il doppio massimo=6,13€
su Davide Campari: una discesa sotto 5,7€ dovrebbe dare il via alla fase ribassista.
Mi sembra comunque un’opportunità per vendere eventuali azioni in portafoglio.
La concorrente francese Pernod Ricard, titolo sempre molto tranquillo, ha perso il -10% in una sola seduta!
Fiat è scesa sotto 7,8€: anche quì sembra che l’area di resistenza attorno a 8,4€ stia facendo un
ottimo lavoro impedendo ulteriori avanzamenti.
Un’eventuale bordata sotto 7,5€ confermerà la nuova fase ribassista con primo obiettivo attorno
a 6,6€.
Da seguire il movimento di Intesa S.Paolo che potrebbe disegnare un ghiotto Testa e Spalle ribassista: se i corsi non supereranno i 3€ e poi scenderanno sotto 2,8€ scatterà l’input per vendere allo scoperto.
Sul nostro Credem si è formato un doppio massimo=4,5€: ne abbiamo avuto conferma dalla discesa sotto 4,23€.
Il recupero avvenuto tra il 3 e il 4 Settembre ha tutta l’aria di essere un semplice pull back a testare la vecchia area di supporto (ora resistenza).
Un nuovo scivolone sotto 4€ toglierà ogni eventuale dubbio.
Tra i titoli da comprare mi son segnato da un pezzo Pirelli Real Estate: attorno a 0,58€ (dove siamo adesso) mi piace molto ma non ho ancora trovato un segnale tecnico per entrare.
Ormai ci siamo.
Interessante anche il doppio minimo=2,2€ su Milano Assicurazioni: la miccia dovrebbe accendersi
al superamento di 2,3.
Tra le small cap direi di tener marcata Safilo: se supera 0,48€ è fatta e potrebbe prendere il volo con un primo obiettivo nei pressi di 0,55!

Although Pam’s attire is normal for a hot summer day
chanel flat Jennifer Lawrence Elizabeth Banks Hunger Games Press Tour Fashion

as is the rejection of modern day consumerist and metrosexual culture
wandtattooDick’s Sporting Goods celebrates Grand Opening this weekend
woolrich parka