Articolo scritto per Reporter


In questo momento non si trova una notizia leggermente poco negativa neanche a pagarla a peso d’oro. I giornali ne approfittano e aumentano le loro tirature con titoloni a caratteri cubitali; se poi hai voglia di fare un salto su internet tra forum e quant’altro rischi di entrare in fase depressiva. Il clima attuale ricorda un po’ Marzo 2009 quando l’SP500 di New York scese sotto i 700 punti: sembrava la fine del mondo e, invece, si è rivelata una clamorosa occasione d’acquisto visto che l’indice è quasi raddoppiato in poco più di due anni! Per questo motivo continuo a sostenere che non comprerei ancora ma adesso è il momento migliore per seguire il mercato azionario. Ci sono altri elementi bullish. Primo: il Franco Svizzero è crollato. La moneta rifugio per eccellenza ha perso il 20%. Si dirà che il patatrac è stato causato dall’intenzione della Banca Centrale di sostenere il cambio sopra 1,2. Può darsi ma non si può escludere che anche le mani forti stiano approfittando per portare a casa lauti guadagni. Secondo: l’Oro sta formando un doppio massimo nei pressi di 1.900$ per oncia: se scenderà sotto 1.775$ scatterà un forte segnale ribassista (e sarebbe bullish per le azioni). L’argento, invece, deve scendere sotto 40$ per iniziare un nuovo down-trend. Terzo: è scattato un segnale ribassista per l’euro sotto 1,39. Nel breve non sarà positivo per le borse ma per le aziende è auspicabile una valuta molto più debole e non il contrario. Quarto: lo scivolone degli ultimi giorni si è concretizzato con volumi molto bassi (in genere durante i crack gli scambi aumentano parecchio). Mancano quelli che operano allo scoperto? Certamente ma potrebbe anche essere interpretato come un segnale che chi doveva vendere l’ha già fatto. Quinto: sui grafici si notano tantissime divergenze tra l’andamento delle quotazioni (al ribasso) e quello degli indicatori che misurano la velocità (al rialzo da diverso tempo) e ciò è un elemento sicuramente bullish, seppur di breve periodo. Sesto: SP500 e Nasdaq, gli indici più forti, rimangono in fase rialzista di lungo. Se la correzione dovesse esaurirsi rispettivamente a 1.100 e a 2.300 è probabile che possano ripartire con forza (soprattutto nel settore della tecnologia). In ultimo: nel 2009 scrivevo che una devastante fase ribassista poteva concludersi soltanto dopo una lunga fase d’inversione. Gli indici americani e il Dax sono partiti a razzo e mi hanno spiazzato. Il nostro Ftse/Mib 40 e il Cac 40 francese, a distanza di due anni, stanno creando quelle condizioni ideali suggerite in tempi non sospetti. Mi son chiesto: che cosa potrebbe creare le condizioni per la ripresa? Un forte elemento che mette una pietra sopra tutti i guai, che sembra negativo ma è positivo. Il fallimento della Grecia, per esempio, che ormai è soltanto una questione di tempo. Probabilmente gli impiegati della Bce o di qualche altro organismo europeo devono trovare il cavillo giuridico per far uscire il paese dall’euro. E non sarà facile perché i biglietti di banca che hanno loro sono uguali ai nostri! Per il resto poche novità rispetto a quanto scritto nel numero scorso. Continua l’acquisto a scalare su debolezza per il nostro CCT 1MZ 2017: adesso lo spread implicito sui BOT è ampiamente sopra il 2%. Inizio a seguire con molta attenzione il BTP trentennale 1SP2040 5% che si trova sui minimi storici nei pressi di 80: un segnale d’acquisto di rilievo scatterà al superamento di 84. Tra le azioni faccio fatica a non notare la forza relativa di Mediobanca: mentre le sue colleghe vengono triturizzate lei rimane a galla sopra i 6. Non cambia la strategia: valuterei con attenzione un acquisto nei pressi di 5,5 mentre, sulla forza, entrerei al superamento di 6,5. La Fiat è arrivata a 3,5 dove l’aspettavo: adesso bisogna marcarla a uomo per cercare il timing migliore per entrare. Al momento, sulla forza, si può comprare soltanto sopra 4,15. Da notare il balzo di Edison fino a 0,8875: è molto vicino ad un possibile segnale d’inversione che si concretizzerà al superamento di 0,9. Se romperà all’insù dovrebbe trainare con se anche A2A: quest’ultima ripartirà con forza sopra la resistenza di 1. Occhio anche ad Enel che sta scivolando velocemente verso i suoi minimi storici nei pressi di 2,75. I suoi concorrenti europei (Edf, Rwe, E.On) sono messi molto peggio probabilmente perché più impegnati nel nucleare.

items to wear in
syma rc helicopter
After Fashion Week Wardrobe Malfunction Coco Tweets Uncensored Photo

Bijou Phillips and many more
wandtattooTelcos’ Survival in an Era of Fashion
woolrich sale