III intervista per Trend on line


Ciao a tutti.
Pubblico in anteprima l’intervista rilasciata per il portale finanziario www.trend-online.com

A presto!
Alberto

L’indice Ftse Mib si è scontrato con i massimi di inizio agosto poco sopra i 21.600 punti che hanno contenuto per ora la spinta rialzista. Quali sono i possibili scenari per le prossime sedute?

La seduta di oggi 25 ottobre è stata caraterizzata da una candela nera che è, passami il termine, speculare rispetto a quella del 21 ottobre scorso.
Se la seduto del 21 poteva dare adito a speranza rialziste visto la forte chiusura in prossimità dei massimi, quella di questa sera manda nel cassetto tali sogni.
Quali i possibili scenari? Probabilmente la spinta rialzista s’è esaurita e il primo attacco al masssimo relativo citato è fallito. Tuttavia la struttura rialzista di brevissimo periodo rimarrà intatta fintantochè i corsi rimaranno sopra area 21000
Vedremo se ne i prossimi giorni ci sarà un pull back verso tale livello e cosa succederà qualora ci dovessimo arrivare.

 Fiat ed Exor stanno inviando segnali positivi che hanno permesso ad entrambi di recuperare importanti soglie di prezzo. Consiglierebbe di acquistare questi due titoli o è preferibile attendere prima di intervenire?

Sono due titoli la cui impostazione grafica è assolutamente rialzista ed entrambi stanno mettendo a segno una congestione stretta sui massimi di periodo che potrebbe essere preludio ad una ripartenza.
Parla di congestione al momento è sicuramente prematuro visto che si tratta solamente di due barre. Invito pertanto a non acquistare in questo momento ma eventualmente farlo solo in caso di chiusura superiore a 12,35€ per Fiat e a 18,18€ per Exor.
Fondamentale che il break out sia confermato in chiusura e non si tratti di una “siringata” intraday.

 Nell’ambito del settore bancario quali sono a suo avviso i titoli più interessanti? Suggerirebbe di puntare su Unicredit piuttosto che su Intesa Sanpaolo in ragione della recente sovraperformance di quest’ultimo?

Il settore bancario oggi ha dato prova di estrema debolezza. L’aumento di capitale del Banco popolare ha dato il via ad una serie di vendite che hanno interessato bene o male tutti i titoli del settore alla luce anche di ventilati tagli relativi al dividendo che sono comunque tutti da dimostrare.
Emblematico è il caso di Banca Mps che lascia sul parterre un -3,41% con volumi esplosivi senza che vi fosse nessuna notizia particolarmente negativa.
Detto questo, nessuno dei titoli citati presenta caratteristiche atte ad un acquisto.
Unicredit ritorna dentro il canale laterale compreso fra 1,916€ e 1,80€ mentre Intesa-San Paolo mette a segno una seduta nettamente ribassista che mette in difficoltà il proseguo del rialzo.
Se proprio devo scegliere fra i due direi di seguire più da vicino Intesa-SanPaolo visto che appena uscita daz un laterale,  pronto ad intervenire qualora si dovesse confermare sopra 2,6975-70€.
Al momento, però, è uno scenario alquanto improbabile.

 STM si sta muovendo in direzione dei 6 euro dopo aver recuperato con decisione terreno dai minimi poco distanti dai 5 euro. Quali indicazioni operative ci può fornire per questo titolo?

Stm sta completando un bellissimo doppio minimo con base a 5,33€
Il superamento del massimo relativo posto a 5,82€ è sicuramente un ottimo segnale.
Ci si può provare già per la seduta di domani (26 ottobre) con buy limit a 5,935€ e stop loss a 5,70€

Qualora il mercato dovesse spingersi in avanti, quali sono i titoli candidati a fare meglio nel meglio? Su quali consiglia di puntare in particolare?Direi di tenere monitorati A2a che ha appena breccato una super resitenza posta a 1,15€ e se si conferma sopra tale livello per me è un buy.
Tornando ad un tema citato poco sopra, Banca Monte Paschi a mio parere è da acquistare in caso di chiusura superiore a 1,09€ e per finire
Eni per me va in buy sopra 16,33€

________________________________________________________________________________________
Davanti ad un problema puoi lodare o Dio o accusarLo: da questo dipenderà se lo affronterai con Dio o da solo

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *