Intervista per trend on line


Ciao a tutti.
Pubblico in anteprima l’intervista per trend-online.com
A presto!
Alberto

L’indice Ftse Mib si è spinto sui massimi dell’anno che al momento sono rimasti inviolati. Ci sono le condizioni per assistere ad ulteriori allunghi nel breve? Quali sono i livelli da seguire ora?

La progressione rialzista dell’ottava che si è appena conclusa devo ammettere che mi ha estremamente sorpreso. Come scrivevo la scorsa settimana mi sarei aspettato una discesa dovuta al taglio di rating da parte di Standard & Poor’s. Sono stato felice di essere smentito dai fatti ! La settimana s’è chiusa con un progresso del +4,14% in barba all’agenzia di rating…e alla mia view negativa. Nonostante il progresso di breve, tuttavia, ora arriva la parte più difficile: la resistenza statica posta in area 16.000 che rappresenta il tappo della congestione laterale di cui parlo alla noia da tempo. Per assistere, quindi, ad ulteriori allunghi è necessario che i corsi si spingano oltre tale livello.

Unicredit si è riportato sopra quota 3 euro, mentre Intesa Sanpaolo è ad un passo dall’area di 1,4 euro. Quali indicazioni operative ci può fornire per questi due titoli?

Su Unicredit s’è concluso positivamente l’adc dopo un avvio disastroso. Il titolo è riuscito a ripartire dopo un minimo in area 2,20€ e ha completato un 1 2 3 low di Ross col superamento del massimo relativo posto a 3,07€ Ora come ora, prima di tentare un acquisto aspetterei il superamento di 3,47€ a seguito del quale potremmo rivedere Unicredit in area 4,00€

Positiva l’uscita al rialzo dalla congestione triangolare per Intesa San Paolo che ha lanciato un segnale d’acquisto il 19 gennaio scorso. Al momento starei a bordo campo in attesa di un ritracciamento per poter tentare un’entrata al rialzo a basso rischio. E’ un titolo che va sicuramente seguito.

Consiglierebbe di acquistare STM che è riuscito a valicare la soglia dei 5,5 euro? Qual è il suo giudizio invece su Telecom Italia che si mantiene ancora al di sotto di 0,85 euro?

Ho parlato di Stm un paio di settimane fa segnalandolo per buono sopra area 5,00€ Adesso, dopo una progressione del 12% circa, è probabile una pausa di consolidamento in area 5,50-5,6€ Il segnale di venerdì scorso è un hangin man che segue una shooting star per cui al momento sarei molto prudente al rialzo. Direi che se il supporto a 5,50€ tiene e viene superata al rialzo area 5,80€ si potrà valutare un ingresso. Prima, a mio parere, è rischioso.

Telecom si appoggia alla trend line rialzista di breve con buoni volumi. Si potrebbe tentare un ingresso a questi prezzi posizionando uno stop a 0,81€

Fiat Auto si sta spingendo in direzione dei 4,5 euro, mentre Exor si è lasciato alle spalle la soglia dei 17 euro. Quali strategie ci può suggerire per questi due titoli?

Positiva l’intonazione di fondo di Fiat auto che ha superato di slancio la resistenza posta a 4,14€ Direi che è sicuramente da seguire per poter acquistare al primo uncino o congestione stretta.

Situazione grosso modo analoga per Exor che mi pare possa essere in procinto di invertire anche nel medio periodo. Per Exor molto importante il superamento della media mobile a 200 giorni che attualmente passa in area 18,44€, ma c’è tempo. Nel breve al primo ritracciamento e successiva ripartenza si può tentare un acquisto.

In caso di ulteriori recuperi del mercato, quali sono i titoli destinati a fare meglio nel breve? A quali consiglia di guardare ora?

Seguo con interesse Eni che è uscito da una congestione triangolare e che potrebbe ben performare. Altro titolo che mi piace molto è Impregilo che è ben impostato al rialzo. Da seguire su un eventuale pull back.

__________________________________________________________________
Se vuoi cercare la felicità non c’è bisogno di girare tutto il mondo; fermati, entra dentro te stesso, lì c’è Gesù che ti vuol donare una gioia senza fine

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *