Intervista per trend on line


Pubblico in ante prima la consueta intervista rilasciata per trend-online.com
A presto!
Alberto

L’indice Ftse Mib continua a perdere inesorabilmente terreno, senza riuscire a trovare alcun appiglio per risalire la china. Quali sono i possibili scenari per le prossime sedute?

Il trend è solidissimamente ribassista. La settimana di scorsa dicevo che mi aspettavo si discesa, ma intervallata quanto meno da un rimbalzo che non c’è stato. Gli scenari per le prossime sedute, guardando solo ed esclusivamente il grafico, sono per un’ulteriore discesa. Non saprei dire fino a dove. L’ultimo supporto è il minimo del 09 marzo 2009 scorso; più che altro un supporto psicologico che altro. Se non esce qualche cilindro dal cappello del G8 a Camp David, mi aspetto di vedere l’indice in quell’area.

Intesa Sanpaolo è sceso poco sotto quota 1 euro, mentre Unicredit ha abbandonato l’area dei 2,5 euro. Consiglierebbe di acquistare questi due titoli sui livelli attuali o ritiene prematuro un intervento in questa direzione?

Ritengo assolutamente prematuro intervenire in acquisto sia su Intesa SanPaolo sia Unicredit ma meritano sicuramente di essere seguite. IntesaSanPaolo ha ancora un’impostazione di berve ribassista, tuttavia le ultime sedute hanno arginato la discesa: area 0,945€ va quindi monitorata attentamente. La pista ciclica sta iniziando a divergere al rialzo. Prima di acquistare attenderei il superamento di 1,066€ che deve essere accompagnato da volumi elevati.

La situazione è invece più delicata per Unicredit che non ha un supporto ben delinato come quello di IntesaSanPaolo ma che potrebbe essere in fase di formazione. Fondamentale la tenuta di 2,36€ per iniziare a sperare quantomeno in un rimbalzo tecnico. Per contro, il cedimento di tale livello sarebbe da usare per aprire posizioni ribassiste.

Alla luce delle attuali quotazioni, suggerirebbe di aprire posizioni long su due titoli come Fiat Auto e Fiat Industrial? Quali indicazioni operative ci può fornire in merito a questi due temi?

Vale la pena di seguire con attenzione anche Fiat auto che si trova sull’importantissimo supporto in area 3,25€. E’ molto probabile che si realizzi un doppio minimo. L’intervento al rialzo si potrebbe fare in caso di superamento del massimo relativo posto a 3,606€

Aprirei, invece, posizioni ribassiste su Fiat industrial che perde il fondamentale supporto posto in area 7,58€. Fintantoché i corsi rimarranno sotto 8,00€ il trend resterà al ribasso.

Viste le attuali quotazioni del petrolio, consiglierebbe di sfruttare la recente debolezza per acquistare Saipem ed ENI? Quali sono i livelli da seguire per questi due titoli ora?

Il trend di breve periodo per Saipem è al ribasso, ma ad un passo dal supporto a 31,00€ Se i corsi dovessero approdarci mi metterò alla ricerca di un pattern d’inversione per intervenire, eventualmente, al rialzo.

Eni perde il supporto a 15,93€: potrebbe essere un’ottima occasione d’acquisto SE e solo SE dovessero recuperare entro un paio di giorni il supporto citato. In caso contrario la discesa continuerà.

 _________________________________
“Pregate, pregate, pregate!”

3 Commenti Intervista per trend on line

  1. Ottimista

    ORMAI E’ SCIENTIFICO. Faccio il contrario di quello che scrivono gli “esperti” e guadagno. Anche oggi… trend decisamente ribassista, addirittura su Yahoo… + 2.00% alle 10… e infatti avevo comprato. Meglio del testa o croce. :-))

  2. Alberto

    buon per te Ottimista. Io non mi ritengo certo un “esperto” però da qua a dire che il +2 e passa di oggi inverte il trend ce ne passa. 🙂
    A presto!

  3. David

    Infatti… oggi crollo e -3,68%… Il trend è ribassista e ogni rimbalzo deve essere preso come un’occasione per entrare short. Ovvio che prima o poi finirà e torneremo a salire ma almeno fino alle elezioni in Grecia continueremo ad avere mercati al ribasso e alta volatilità.

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *