Intervista per trend on line


Ciao a tutti.
Pubblico in ante prima la consueta intervista rilasciata per il portale finanziario trend-online.com
Buona lettura!
Alberto

L’indice Ftse Mib si mantiene ancora al di sotto dei recenti massimi, senza tuttavia aver prestato il fianco a correzioni particolarmente pesanti. Quali sono le attese per le prossime giornate?

Direi che il quadro tecnico, sul nostro benchmark, non è sostanzialmente immutato rispetto a quanto detto la scorsa settimana. La resistenza posta a 17000 punti non è stata violata per cui il rialzo, per ora, si sta prendendo una pausa. Direi che vale la pena porre attenzione al supporto di breve posto a 16200 punti che se dovesse essere perso potrebbe dare origine ad una correzione di breve.

Tenaris ha perso terreno dopo la diffusione dei conti del 2011, mentre si è mostrato più forte ENI. Quali strategie ci può suggerire per questi due titoli?

La configurazione grafica di Tenaris mi piace moltissimo: doppio minimo in area 0,76€ confermato il 07 febbraio scorso, 3 minimi crescenti e venerdi scorso la rottura con una seduta al rialzo da +6% accompagnata da volumi esplosivi che rompe al rialzo la trend line ribassista di medio e la media mobile a 200 giorni. Direi che gli indizi per far beneci sono tutti. Non acquisterei ora ma al primo ritracciamento utile un pensiero long penso sia utile farlo.

Eni avrebbe superato al rialzo la resistenza statica posta a 17,42€ ma i volumi non mi convincono. Preferisco stare alla finestra in attesa di certezze.

Qual è il suo giudizio su due protagonisti del settore bancario quali Monte Paschi e Mediobanca. Consiglierebbe di acquistare questi due titoli sui livelli attuali?

Monte Paschi è stata protagonista di un incredibile rally partito dai minimi di area 0,20€ che l’ha portata agli attuali 0,39€ Ora abbiamo una divergenza ribassista sulla pista ciclica e lo scoglio della media mobile a 200 giorni. Credo che il titolo rintraccerà un po’, ma essendo il trend di fondo rialzista potremmo sfruttare una eventuale successiva ripartenza per entrare con un rischio più basso. Tutto da cancellare in caso di proseguo al rialzo sopra 0,43€, ma lo ritengo uno scenario poco probabile nel breve.

Per Mediobanca sarà fondamentale superare la mega resistenza statica posta a 5,00€ per proseguire il trend rialzista di breve. Al momento non prenderei posizione ma aspetterei di vedere come evolve la situazione.

Fiat Auto fatica ad allontanarsi dall’area dei 4,5 euro, mentre Fiat Industrial si è riportato poco sotto quota 8 euro. Quali indicazioni operative ci può fornire per questi due titoli?

Fiat auto è all’interno di una perfetta congestione laterale sui massimi di periodo con volumi in calo. Non c’è da prendere posizione fintantoché non avremo la fuoriuscita da uno dei lati della congestione. Al rialzo sopra 4,96€ mentre al ribasso sotto 4,24€

Trend rialzista di fondo per Fiat industrial che però non riesce a superare 8,28€ dando adito a sospetti relativi ad un doppio massimo. Si potrebbe comprare in caso di break out di tale livello, non prima.

In caso di recuperi del mercato, quali sono i titoli destinati a fare meglio nel breve? A quali consiglia di guardare ora?

Mi piace molto Campari che riesce superare la trend line ribassista partita da fine luglio scorso con buoni volumi. A mio parere è un segnale d’acquisto.

__________________________________
“Cari figli! In questo tempo in modo particolare vi invito: pregate col cuore. Figlioli, voi parlate tanto ma pregate poco. Leggete, meditate la Sacra Scrittura e le parole scritte in essa siano per voi vita. Io vi esorto e vi amo perchè in Dio troviate la vostra pace e la gioia di vivere. Grazie per aver risposto alla mia chiamata.”

Messaggio del 25 febbraio 2012

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *