IV intervista per Trend on line: diversi segnali operativi


Ciao a tutti.
Pubblico in anteprima l’intervista rilasciata per il portale Trend on line.
Questa settimana ci sono diversi segnali operativi.
A presto!
Alberto

L’indice Ftse Mib continua a rimanere imbrigliato nel range laterale in cui si muove ormai da alcune settimane. Quali previsioni è possibile formulare per le prossime giornate? Quali  sono i livelli da tenere sott’occhio ora?

 Il nostro benchmark sembra una matrioska. Abbiamo una congestione triangolare di lungo periodo che vede la linea di resistenza partire dai massimi di metà ottobre del 2009; i minimi crescenti di tale congestione sono invece quelli che partono dal 25 maggio scorso in area 18400.
C’è poi un’altra congestione sempre di tipo triangolare che è stata rotta al rialzo con la seduta del 13 ottobre 2010 e questo è di per se un segnale incoraggiante e, per finire, che la perfettissima congestione laterale di queste ultime 16 sedute che ingabbia i corsi fra il supporto posto a 21100 e la resistenza posta a 21680-21700.
Per la prosecuzione rialzista è quindi fondamentale che il nostro indice superi il livello appena citato (21700). Per contro negatività in caso di cedimento di area 21100.
Da che parte uscirà impossibile stabilirlo.

 In avvio di settimana Buzzi Unicem e Italcementi sono stati penalizzati dalle vendite. Quali suggerimenti operativi ci può fornire per questi due titoli?

Per quel che riguarda Buzzi Unicum ritengo che le due sedute dei giorni 5 e 8 novembre scorsi siano da inquadrare come un semplice rintracciamento all’interno di un trend rialzista di breve periodo. La seduta di oggi, 9 novembre, improntata al rialzo mette in evidenza quello che pare un pattern di titpo “pull back”.
Entrrei long al superamento confermato in chiusura di 8,93€, livello molto importante perché ci passa anche la media mobile a 200 giorni.
Da un punto di vista tecnico a mio parere Italcementi è meno interessante di Buzzi. Il trend di fondo è un laterale compreso fra 5,80€ e 6,80€
Volendo si potrebbe provare a sfruttare un eventuale rimbalzo in caso di test del supporto avendo però l’accortezza di posizionare uno stop loss rigidissimo in caso di chiusura inferiore ai 5,80€ appena citati.

 Alla luce delle attuali quotazioni del petrolio, quali indicazioni ci può dare per i titoli del settore petrolifero. Cosa pensa in particolare di Saipem ed ENI?

Entrambi i titoli citati sono impostati molto bene.
A mio parere su Eni è scattato un segnale d’acquisto con la chiusura di oggi superiore a 16,61€
Ci proverei con buy limit a 16,64€ e stop loss a 16,20€
Altrettanto ben impostata è Saipem in un chiaro trend ascendente che attualmente sta congestionando sui massimi. Sarei compratore in vaso di chiusura superiore a 33,40€

 Ritiene che nell’ambito del settore bancario ci siano interessanti opportunità di acquisto da cogliere? A quali titoli consiglia di guardare in particolare?

Ripeto quanto detto un paio di settimane fa: il settore bancario in questo momento è debole e preferisco non effettuare acquisti.
L’unico titolo che mi pare molto ben intonato e sul quale già si potrebbe tentare un acquisto è Mediobanca che oggi supera di slancio e con ottimi volumi la resisteza a 7,52€ confermando l’ottima intonazione rialzista partita dal minimo di area 5,66€

Data l’attuale situazione di mercato, quali sono i titoli che meritano di essere seguiti più di altri in questa fase? Su quali sta concentrando la sua operatività ora?

 Mi piacciono molto Autogrill e Danieli ordinaria che venerdi prossimo presenterà i dati.Autogrill a mio parere è un acquisto da provare già domani (10 novembre)  con buy limit a 9,75€ e stop loss a 9,45€
Anche Danieli oggi ha fornito un segnale d’acquisto grazie alla chiusura superiore ai 20,00€
Ci proverei con buy limit a 20,12€ e stop loss a 19,60€

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.