La raccolta sui PIR farà decollare l’Ftse IT Small ?


0419ftsesmall

Francesco mi chiede: e’ da acquistare l’ETF ( FR0011758085 ) LYXOR UCITS ETF FTSE ITALIA MID CAP D-EUR per il LUNGO termine che sintetizza l’andamento di 60 aziende italiane di medie dimensioni.  Ci sarà crescita di questo ETF, tutte le società di gestione stanno proponendo i PIR”.

 

Il PIR è un normalissimo fondo comune che investe in aziende medio-piccole. Ha questi vantaggi rispetto al tradizionale risparmio gestito:

–          se viene mantenuto per almeno cinque anni non c’è alcuna tassazione sull’eventuale plusvalenza (non male!);

–          non c’è tassa di successione (ottimo per chi rimane, meno per l’ex possessore!);

–          si può investire per massimo 30.000 € l’anno (questo handicap si può dribblare intestando la posizione alla moglie, alla figlia, all’amante (si possono far contente più amanti …..).

I primi due sono certamente punti a favore.

Doverlo mantenere per almeno cinque anni per ottenere i benefici fiscali, invece, potrebbe diventare una grossa trappola!

Mettiamo che al quarto anno, dopo aver ottenuto una bella plusvalenza “virtuale”, pensi che il mercato stia per prendere una bella botta.

Che si fa? Si aspetta? In questo caso sai che devi devolvere in beneficenza 1/4 dei profitti allo stato.

Se aspetti, invece, rischi di veder andare in fumo parte del capitale.

Non è tutto oro quello che luccica! Ma queste sono solo elucubrazioni da bar. Veniamo alla domanda.

Se questi fondi raccoglieranno un sacco di soldi (probabile) e li investiranno  in quelle poche aziendine quotate è molto probabile che queste ne avranno un gran beneficio (è già iniziato) anche se non sarà certamente un exploit come quello che si è verificato nel 1985/86 a seguito della nascita dei primi fondi comuni.

Allora l’ETF è da comprare? Per decidere non cambio strategia e vedrò quello che “dice” il mercato (non sapendo neanche quanto potrebbe quotare  fra 5 minuti, è impossibile che possa immaginare che cosa potrebbe succedere da qui a 5 anni!). Lo scorso 25/3 ho già analizzato questo indice Ftse It Small Cap e vi ho segnalato come nei punti A, B, C, D, quando le quotazioni sono arrivate tra 21/22.000, dopo c’è sempre stato un forte ribasso!

Sarà così anche stavolta?

Non lo so, ovviamente e, volendo comprare, preferirei farlo a seguito di una correzione più marcata (per esempio un peggioramento verso 20.000).

A quel punto, se le quotazioni dovessero poi superare l’ultimo massimo relativo (>22.500), dovrebbe scattare un vero e proprio STRONG BUY che potrebbe perdurare per un bel po’ di tempo.

Ovviamente, volendo investire su questo indice, per la parte dell’investimento fino a 30.000€, meglio “puntare” sui PIR piuttosto che sull’ETF (non si sa mai che diventi veramente un trade di lungo periodo!).

Morale: se l’indice tornerà nei pressi di 20.000 ne riparleremo.

http://www.meglioli.biz

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *