Monitor azioni Italia dal 24 al 28 gennaio


Come dicevo la settima scorsa, l’ottava appena conclusa sarebbe stata particolarmente interessante nel suo evolversi visto che venerdì scorso (14 gennaio)  il nostro indice aveva chiuso a 21460 punti, livello importantissimo perché a ridosso della resistenza di medio periodo che delimitava la parte alta della grande congestione partita dal luglio scorso.
Ebbene, la resistenza è stata abbondantemente superata e sembrerebbe proprio che il quadro di medio periodo per l’azionario italiano stia volgendo decisamente al bello.
Il break out della resistenza avvenuto in queste ultime 5 sedute è stato netto e non lascia spazio a interpretazioni “dubbie”.
L’unica cosa che mi attendo ora come ora è, quantomeno, un consolidamento sui massimi di periodo se non un “pull back” verso 21600.
Ritengo infatti che non possa essere sostenibile un’altra settimana completamente al rialzo (anche se naturalmente me lo auguro) in quanto credo che fisiologiche prese di profitto ci stanno tutte.
L’importante, comunque, è che ci si mantenga al di sopra della vecchia resistenza, ora supporto, appena citata altrimenti addio sogni di gloria, almeno nel breve termine.

 

 In merito ai singoli titoli credo che valga la pena tenere sotto controllo:

 Atlantia che dopo un poderoso strappo al rialzo partito il 12 gennaio scorso sta congestionando stretta sui massimi relativi. E’ una configurazione grafica che mi piace moltissimo. La comprerei in caso di chiusura superiore a 16,78€
                                                          

Eni: sembrerebbe in atto il pattern pull back. Il titolo infatti, dopo aver ripiegato dai massimi relativi posti a 17,75€ ha inanellato 4 sedute negative. La serie di massimi e minimi negativi s’è interrotta venerdi scorso con una bella seduta tutta la rialzo. Sarei compratore in caso di break out di area 17,76€

                                                          

 Scatta un segnale rialzista su Lottomatica. Il titolo, dopo aver congestionato a lungo in un perfetto box laterale tra 9,10€ e 9,70€ (con adirittura una falsa rottura ribassista in data 10 gennaio) strappa al rialzo 18 gennaio. Congestione cortissima e break out. Uncino rialzista da manuale. Buoni i volumi e ottima la pista ciclica impostata al rialzo. Ci proverei con buy limit a 10,47€ e stop loss a 9,98€

                                                          

 In merito ai titoli a minore capitalizzazione a mio parere ben impostata per un proseguo al rialzo è Prelios. Dal maggio scorso il trend presenta minimi rialzisti e il recente break out di area 0,475€ è un buon segnale long accompagnato, fondamentale!, da ottimi volumi. Si può tentare un acquisto a questi prezzi o ppure attendere il superamente dello scoglio posto a 0,492€

                                                                      

Relativamente ai titoli segnalati nel precedente report parte molto bene il trade su Enel. Il buy è scattato a 3,8875€ il giorno 17 gennaio e al close di venerdi 21 il profitto, virtuale, è del +5,59%
Alziamo lo stop profit a 4,06€
Parmalat è andata in buy a 2,105€ e il gain a venerdi, sempre virtuale, è del +1,30%
Alziamo lo stop profit a 2,12€. Temo che il trade verrà chiuso in ottava. Staremo a vedere.

Vi auguro di cuore un buon trading e una santa settimana.

Alberto

2 Commenti Monitor azioni Italia dal 24 al 28 gennaio

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *