Sottoscrivere un aumento di capitale o no ?


Quando un’azienda lancia un aumento di capitale ricevo sempre la solita domanda: “è da sottoscrivere o no?”.

La risposta, generalmente, è la stessa (a parte casi eccezionali come quelli di Tiscali, Seat, Pirelli Real Estate oppure l’eventuale emissione di prestiti obbligazionari convertibili): se decido di comprare le azioni di nuova emissione lo faccio perchè credo nel titolo e in questo modo incremento l’investimento (e il possibile guadagno).

Se non ci credo molto (per esempio sono già con una posizione in perdita) è preferibile vendere i diritti ed aspettare che si formi un nuovo segnale d’acquisto.

Io compro un titolo se ho un segnale o qualcosa che mi induce a farlo
NON perchè la società stessa ha bisogno del mio denaro.

Lo stesso acquisto, altrimenti, lo posso fare anche dopo: le borse non chiudono mai!

Questo articolo è stato pubblicato anni fà in
http://www.meglioli.biz/x0210articoli.htm

manchester errors beefs up clothing supplies for fall over
wandtatoo How to Understand a Penguin

We’ll say up to the left nut
louis vuitton handtaschen
Ecco WOMEN’S COMFORT SWING PREMIER
woolrich parka

1 Commento Sottoscrivere un aumento di capitale o no ?

  1. maurizio

    Le azioni di risparmio non subiscono lo stesso effetto diluitivo delle ordinarie.
    Sottoscrivendo l aumento si ottengono azioni risparmio di categoria B , ma le vecchie azioni restano e non diluite , quindi quale è il loro valore ? Sono una sorta di azioni privilegio che quotano 0,31 ante accorpamento. ciao

Commenti chiusi