Titoli in pericolo


Il 18/7 vi ho segnalato la possibile fase di DISTRIBUZIONE su Diasorin (DIA): tra alti e bassi potrebbe essersi completata proprio ieri. Avendole in portafoglio, non starei molto sereno perché potrebbe essere scattato il segnale d’inversione di MEDIO periodo.

Tra l’altro, come spiegato nell’analisi del 28/9, in America tutto il settore salute/bio-tecnologia ha svoltato verso il basso.

Il 21/09 vi ho segnalato il possibile TESTA e SPALLE su Prysmian (PRY): adesso siamo proprio sulla LINEA del COLLO (18€). Dovesse cedere nettamente, avremo l’inizio di un movimento ribassista degno di questo nome.

In caso di BREAK-DOWN <18€, il target che si legge sui libri di scuola di analisi tecnica sarebbe 14€ (io non credo a questa teoria ma esiste).

Il 27/8 ho suggerito di liquidare Exor (EXO): non si sapeva ancora del VW-gate. Potrebbe accelerare verso il basso e, purtroppo, non ci sono supporti degni di nota che possono arrestare il movimento ribassista appena iniziato.

Il 24/8 vi ho evidenziato il possibile “top” in formazione su Brembo (BRE): la discesa sotto 35€ è un segnale ribassista da prendere in seria considerazione. Se verrà negato, meglio, ma preferirei non avere in portafoglio questo titolo.

Anche la discesa di Biesse (BSS) sotto 14€ è un segnale ribassista da non sottovalutare: l’allerta è stato “anticipato” lo scorso 21/8.

Generali (G), invece, potrebbe arrestare la sua discesa nei pressi del SUPPORTONE (15€): lo scorso 25/8 è rimbalzata proprio da questo livello.

Ieri vi ho segnalato la situazione tecnica di Nike (min=119,05$): il BUY non è stato eseguito. Chi ha letto il mio Mini E-Book sui GAP sa che ci si può riprovare.

Anzi: oggi la situazione tecnica è migliore rispetto a quella di due sedute fà.

Per vedere tutti i grafici:

http://www.meglioli.biz/0930help.htm

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *