Trimestrali in rosso per Salvatore Ferragamo


Il Consiglio di Amministrazione di Salvatore Ferragamo ha approvato ieri il Resoconto Intermedio Consolidato di Gestione al 30 settembre 2017.

Il noto gruppo del settore dell’abbigliamento di lusso ha chiuso i primi 9 mesi del 2017 con ricavi pari a 1.005 milioni di euro, in diminuzione dello 0.9% rispetto ai primi 9 mesi del 2016. In particolare nel terzo trimestre 2017 i ricavi sono stati pari a 287 milioni di euro, in diminuzione del 5,5% ai tassi di cambio correnti.

Solo l’area Asia-pacifico ha fatto registrare un incremento dei ricavi.

Il Risultato Operativo Lordo (EBITDA1) è diminuito del 25,1%, passando dai 216 milioni di euro dei primi nove mesi del 2016 a 162 milioni di euro, con un’incidenza percentuale sui ricavi del 16,1%, dal 21,3% dello stesso periodo del 2016.

L’Utile Netto del Periodo invece ammonta a 79 milioni di euro, in decremento del 28,3% rispetto al 2016.

Analisi tecnica del titolo

I dati negativi del terzo trimestre hanno avuto notevole influenza sul titolo di Salvatore Ferragamo, che stamattina ha aperto in ribasso del 3.3% rispetto alla chiusura precedente.

Le vendite stanno continuando a condizionare il titolo nella seduta corrente e i ribassi odierni hanno spinto le quotazioni fino a 20.51€, livello che per ora ha arrestato la discesa.

Se le vendite sul titolo Ferragamo dovessero perdurare, andranno monitorati i prossimi livelli di supporto a 20.10€ e 19.10€.

In particolare il superamento al ribasso di 19.10€ aprirebbe scenari di ulteriori debolezza, per un titolo che ad oggi ha già restituito al mercato tutti i guadagni registrati da inizio 2017 (circa il 33%), attestando l’andamento annuale corrente delle azioni ad un -2.1%.

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *