Tutto rimandato alla settimana prossima ?


Tutto rimandato di una settimana ? A guardare la candela weekly che si è formata sul nostro Ftsemib40 sembrerebbe proprio di si. Per inciso, lo dice uno che la settimana scorsa s’era sbilanciato parecchio affermando che l’ottava appena conclusa presentava diversi indizi che presumevano ad un rialzo per cui capisco che chi legge possa pensare dentro di se che sono un perfetto incompetente. Tuttavia, la discesa settimanale fino al baratro dei 17.555 (lambendo il supportone posto a 17800 punti) è stata prontamente riassorbita e la candela weekly che s’è formata è un hammer che, sella simbologia delle candele giapponesi, rappresenta un segnale d’inversione, segnale d’inversione che però richiede una conferma: una chiusura settimana (in questo caso) superiore al massimo dell’hammer stesso posto a 19421 punti. Abbiamo quindi, dopo un doppio minimo, un hammer. Lo ripeto: io mi ri-aspetto quanto meno un rimbalzo nella settimana entrante.

mi40week

 

A livello di cambi non mi impescerisce affatto il rimbalzo dell’euro/dollaro che a mio parere resta ancora candidato ad un re-test di area 1,25€ livello chiave per capire se avremo un ulteriore apprezzamento del dollaro sull’euro o meno.

edoll

A livello di singoli tenterei un trade mordi e fuggi su Banco popolare che potrebbe tentare un allungo con target 11,80€. Ci proverei con buy limit a 11,27€ e stop loss a 11,15€

bpop

Divergenza rialzista sulla pista ciclica per Buzzi unicem che, se dovesse superare la resistenza statica posta a 10,42€ potrebbe raggiungere il successivo massimo relativo. Da mettere a monitor.

buzzi

Eni rappresenta perfettamente quello che vorrei succedesse per il nostro indice: hammer confermato con una chiusura superiore all’hammer stesso: il setup è completo e il segnale d’acquisto scattato. Ci proverei con buy limit a 16,38€ e stop loss a 15,30€

eni

 

A tutti un augurio di buon trading e di una santa settimana.

Alberto

_____________________________
O Dio d’inifinita misericordia, confido in Te!

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *