[ Video analisi ] La Yellen fa il bello e il cattivo tempo, e l’Euro?


Ancora il cross Eurodollaro al centro dell’attenzione, dopo la giornata chiave di inversione verificatasi ieri, molto probabilmente anche a seguito delle parole del presidente della Fed Janet Yellen che in audizione al Senato ha attaccato Donald Trump riguardo i possibili effetti del suo piano politico, che potrebbe essere economicamente insostenibile e produrre un grave squilibrio sui conti economici degli Stati Uniti.

Dopo aver provato a spingersi al ribasso toccando il livello di 1.0530, l’Euro è stato oggetto di pesanti acquisti, tali da produrre un rimbalzo significativo fino ai livelli odierni oltre quota 1.06.

La domanda in questi casi è se ieri si poteva fare qualcosa o in qualche modo prevedere quello che sarebbe successo; come analizzato nell’appuntamento di martedì scorso l’euro stava correggendo dopo l’impulso rialzista che aveva guidato il mercato da inizio dell’anno e avevamo già parlato di come, a livello di ritracciamenti, ci stavamo avvicinando al 61,8% del range di Fibonacci, livello chiave da monitorare per cercare un’inversione e quindi per validare la prosecuzione del trend attuale.

Monitorando quindi il Future Euro FX con scadenza marzo 2017 si poteva operare su tali livelli applicando il pattern di inversione Fakeout-Shakeout, entrando long al superamento di 1.0575, punto medio dell’area di tarding range prima di osservare la falsa rottura (vedi video allegato). Per chi fosse entrato short in breakout era possibile anche effettuare operazione di stop and reverse, incassando una perdita minima. 

La cosa interessante è che tale modello era riscontrabile osservando sia un time frame a 5, 15 o 30 minuti. Ricordiamo che bisogna sempre analizzare il quadro generale perché chiaramente dobbiamo conoscere  i livelli migliori sui quali è più probabile assistere ad un’inversione di mercato. Il primo target per l’operazione poteva essere calcolato prendendo a misura l’ampiezza del movimento al ribasso precedente, proiettandolo al rialzo rispetto al punto di entrata, ottenendo come obiettivo 1.0620; ovviamente in questi casi operando in training stop si potevano ottenere risultati perfino migliori.

https://www.youtube.com/watch?v=Yj4EnWJ3inI&feature=youtu.be

Lascia il tuo commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *